Streaming
Heartstopper
My Red Carpet

5 Motivi per vedere la serie tv Heartstopper su Netflix

Tags: Alice Oseman, Kit Connor, netflix, serie tv
Heartstopper
Streaming
My Red Carpet

5 Motivi per vedere la serie tv Heartstopper su Netflix

Tags: Alice Oseman, Kit Connor, netflix, serie tv

Heartstopper è in assoluto la serie tv di Netflix più dolce di sempre, e non solo della piattaforma streaming. La serie tv è stata subito un tenero successo, già dalla prima stagione ma del resto era preceduta dalla serie di graphic novel della giovanissima autrice Alice Oseman che ha un gran numero di fan ormai da anni; quest’agosto 2023 è arrivata su Netflix la seconda stagione di Heartstopper che ha riconfermato il grande affetto degli spettatori per la serie tv balzandola subito nella top 10 di Netflix.

Nick e Charlie, i protagonisti di Heartstopper, sono una giovane coppia omosessuale alle prese con la scoperta di se stessi e della propria identità, sessuale e non che tutti affrontiamo durante l’adolescenza, ma sono i piccoli dettagli a rendere speciale la loro storia. 

Heartstopper
Credits: Netflix – Heartstopper

La serie tv Heartstopper inizia presentandoci Charlie, un timido ragazzo apertamente gay che è stato vittima di bullismo a causa del suo orientamento sessuale. Presto conoscerà Nick, il capo della squadra di rugby della scuola, ma che è l’esatto opposto del tipico ragazzo sportivo tutto muscoli e poco cervello: Nick sembra un tenero golden retriever, così viene descritto nella graphic novel e nella serie di Alice Oseman, e Charlie si sentirà al sicuro con lui, prima istaurando una profonda e dolce amicizia, poi in qualcosa di più grande e sensazionale. 

Come Heartstopper esistono già tante storie, tanti libri e tanti altre serie tv, ma cosa la rende così speciale? Perchè dovreste vedere, se non l’avete già fatto, la serie tv Hearstopper? Vi diamo 5 motivi per iniziare subito a guardarla su Netflix!

In Hearstopper pochi drammi e tante emozioni

La serie tv Heartstopper è un teen drama, ma a contrario di altri prodotti del genere sono presenti molti meno drammi, ormai diventati clichè banali visti e rivisti. Il punto narrativo di Heartstopper è il racconto della quotidianità dei suoi protagonisti: che sia un pranzo in famiglia o una verifica in classe, tutto scorre sulla scia della normalità di ogni giorno, ma anche la conversazione più semplice viene arricchita di emozioni pure e vere. Sono le emozioni sincere che muovono i vari eventi, che smuovono Nick e Charlie ad aprirsi tra loro, idem per il loro gruppo di amici che si rivelano dei normali e comuni adolescenti che si apprestano ad innamorarsi per la prima volta.

Heartstopper
Credits: Netflix – Heartstopper

Una visione positiva della community LGBTQIA+

La narrazione di Heartstopper è ovviamente una di quelle LGBTQIA+ friendly, che si distingue per il racconto molto aperto e positivo dell’essere parte della community, pur con tutte le difficoltà del caso. L’essere una persona queer non è quindi solo motivo per essere presi di mira, soffrire di bullismo e disforia di genere, ma anzi è l’occasione per fare nuove amicizie, trasferirsi in un’altra scuola e ovviamente essere innamorati di qualcuno che viene descritto come l’emozione più incredibile che si può provare, se il sentimento è ricambiato. Inoltre Heartstopper propone le problematiche di una coppia etero uguali a quelle che affrontano le coppie queer, a dimostrazione che l’amore è uguale per tutti.

Heartstopper è dolce ma non stucchevole

Noi stessi l’abbiamo definita come la serie tv più dolce di sempre, ma la dolcezza di Heartstopper è di un livello superiore e diverso rispetto ad altri. Tutto è così tenero e coccoloso, tanto da far venir voglia di abbracciare Nick e Charlie. Ma non è mai una dolcezza esagerata e spropositata, e neanche sessualizzata. Heartstopper non cerca di stupire lo spettatore mostrandogli qualcosa di clamoroso, ma parla di identità sessuale e di relazioni d’amore con rispetto e realisticità, stravolgendo i già noti stereotipi esagerati: questo rende anche l’immedisimazione dello spettatore molto più semplice e plausibile.

Heartstopper
Credits: Netflix – Heartstopper

Il giovane cast queer di Heartstopper

Tutto il cast della serie tv Heartstopper è orgogliosamente parte della community queer. Non solo il cast, ma anche la troupe fa parte della community LGBTQIA+ e questa è stata una scelta ottimale ai fini di una narrazione più fedele possibile alla realtà dei fatti, a volte anche riadattando le storie degli attori a quelle dei loro personaggi. Tra queste anche il personaggio di Elle, ragazza transgender amica di Charlie da anni, che è interpretata dall’attrice transgender Yasmin Finney. La sua esperienza trans, in piena chiave di inclusività di Heartstopper, non è altro che una normale caratteristica del personaggio che però non la definisce come persona, perchè ciò che la rende speciale non è la sua identità di genere ma le sue passioni come artista e la sua soliditarietà come amica.

Heartstopper: 5 motivi per vedere la serie tv Netflix
Credits: Netflix – Heartstopper

Una storia vera

L’ispirazione per Heartstopper arriva proprio dalla vita della sua creatrice. La scrittrice Alice Oseman in un’intervista ha rivelato di essersi ispirata alla sua esperienza personale: una ragazza queer che frequentava una scuola inglese in una città molto tradizionalista. In Heartstopper ha unito i suoi momenti e ricordi più belli, ma anche quelli che l’hanno stravolta di più.

Articoli recenti

INSIDE-OUT-2-svelate-le-voci-italiane
News
Alice Gigli
INSIDE OUT 2 | Svelate le voci italiane del film
La vita che volevi
News
Federica Marcucci
La vita che volevi: intervista al regista e al cast
LA-VITA-CHE-VOLEVI-dal-29-maggio-su-netflix
News
Alice Gigli
LA VITA CHE VOLEVI: la serie di Ivan Cotroneo con Vittoria Schisano
arianteo-e-anteo-nella-città
News
Alice Gigli
AriAnteo e Anteo nella Città: prende il via l'estate di Anteo
STAY CONNECTED