Film, News
timothée chalamet
Cristiana Puntoriero

Timothée Chalamet in 5 film: cosa rivedere in occasione dell’uscita di Bones And All

Tags: Bones and All, Timothèe Chalamet
timothée chalamet
Film News
Cristiana Puntoriero

Timothée Chalamet in 5 film: cosa rivedere in occasione dell’uscita di Bones And All

Tags: Bones and All, Timothèe Chalamet

Dal 23 novembre è sul grande schermo con il suo ultimo ruolo, ecco perchè riscoprire altri 5 (grandi) interpretazioni dell’attore del momento.

Finalmente è uscito in sala dal Bones And All, e finalmente si torna a parlare di Timothée Chalamet. Il giovane pupillo di Luca Guadagnino a soli 26 anni continua a collezionare un successo dopo l’altro, confermando ogni volta il talento di una stella che esprime la sua professione con un livello tale di passione che non possiamo non riconoscere. In occasione del suo ultimo lavoro, in cui figura anche e per la prima volta in veste di produttore, abbiamo deciso di dare un’occhiata alla sua filmografia, pescando alcuni ruoli in cui ha particolarmente brillato.

Elio Perlman – Chiamami col tuo nome

4
Photo Credits: Warner Bros.

Nonostante avesse già lavorato in una decina di film, fra cui Interstellar e Hot Summer Nights, quello di Elio è il ruolo che lo lancia fra i più grandi. Candidato all’Oscar come miglior attore e accolto dalla critica come la giovane promessa icona di un nuovo prototipo di mascolinità, nell’adattamento del romanzo di André Aciman Chalamet incanta per la sua delicatezza e il suo modo da adolescente un po’ titubante di incarnare i tormenti e le pulsioni del primo amore. Assieme al collega più navigato Armie Hammer e al tocco registico di un riscoperto Luca Guadagnino, la pellicola del 2017 per molti è il film dell’anno. D’altronde, fu davvero un trionfo.

Paul Atreides – Dune

3 1
Photo Credits: Warner Bros.

Anche questo tratto da un libro, stavolta un classico della letteratura fantascientifica scritto nel 1965 da Frank Herbert, Dune di Denis Villeneuve ha dato a Timothée Chalamet l’occasione di lavorare con Rebecca Ferguson, Oscar Isaac, Stellan Skarsgård, Zendaya, Charlotte Rampling, Jason Momoa e Javier Bardem, insomma un cast di tutto rispetto. Il suo personaggio, Paul Atreides, è l’erede di una dinastia aristocratica che governa un pianeta; ruolo inedito in cui, esprimendo la serietà e il fascino di un eroe del deserto, ha incantato il pubblico e convinto la critica, portandolo così di nuovo sugli schermi con un secondo, attesissimo, capitolo.

Nic Sheff – Beautiful Boy

1 1
Photo Credits: 01 Distribution

Nel 2018 il regista di Alabama Monroe e Le Otto Montagne Felix Van Groeningen porta sullo schermo la storia vera del giornalista americano David Sheff (Steve Carrel) e di suo figlio Nic, per diversi anni dipendente dalle metanfetamine. Nonostante l’adattamento non abbia convinto tutti, sullo schermo la coppia Chalamet -Carrel mette in scena il tumultuoso rapporto fra padre e figlio in uno dei momenti più bui della loro vita, raccolto in libro di memorie dal titolo Tweak: Growing Up on Methamphetamines. L’interpretazione di un addicted, ha raccontato l’attore, è stata una vera e propria sfida con sé stessi, ma senza dubbio il lavoro d’immersione e immedesimazione ha ripagato, basti guardare alcune singole scene in cui spesso ci fa venire i brividi.

Theodore “Laurie” Laurence – Little Women

timothée chalamet
Photo Credits: Warner Bros. Italia

Per Greta Gerwig aveva già interpretato il fidanzato antipatico ma dannatamente attraente di Saoirse Ronan in LadyBird, ma per Little Women ha sfoggiato ancora il suo lato romantico. Nella rivisitazione del classico Piccole Donne di Louisa May Alcott Timothée Chalamet è Theodore “Laurie” Laurence, il nipote del loro anziano e ricchissimo vicino di casa il quale si avvicinerà per poi essere rifiutato in particolare a Jo, la sorella Mach decisamente più ribelle e appassionata di scrittura. Il film vince l’Oscar per i migliori costumi, nel cast anche Meryl Streep, Florence Pugh e Laur Dern.

Billy – Miss Stevens

Progetto senza titolo 1 1
Photo Credits: Beachside Films

Il film di debutto di Julia Hart è passato un po’ in sordina come spesso accade a produzioni indipendenti, ma per la sua interpretazione merita di essere riscoperto. La storia è quella di un’insegnante (Lily Rabe) in viaggio con alcuni studenti ad un concorso teatrale, fra di loro anche Billy (Chalamet) ragazzo particolarmente sensibile ma problematico. La pellicola è divenuta più celebre, ovviamente, dopo il clamore di Chiamami col tuo nome, in particolare per un monologo in cui l’attore allora 21enne, in un audizione su un palco, si prende tutta la scena e, come lui in lacrime, ripensando a quanta strada ha fatto, fa commuovere anche noi.

Articoli recenti

ligabue. 30 anni in un giorno
News
Cristiana Puntoriero
Ligabue. 30 anni in un giorno: a marzo arriva al cinema il concerto di Campovolo 2022
darby consulenza fantasmi
Top News
Martina Barone
Darby Harper: Consulenza Fantasmi - Intervista al regista Silas Howard del film di Disney+
shotgun wedding
Recensioni
Cristiana Puntoriero
Un matrimonio esplosivo: recensione del film su Prime Video con JLo
Babylon
Top News
Martina Barone
Babylon: perché gli Oscar 2023 non hanno candidato il film di Damien Chazelle?
STAY CONNECTED